23/11/2021

Influencer Marketing parte 2

donna-seduta-divano-si-registra-con-prodotti

Bentornati al nostro approfondimento dedicato all’influencer marketing. Se nella prima parte abbiamo affrontato l’argomento spiegandone il funzionamento e collocamento nel marketing, in questa seconda parte parleremo invece di strategie ed esempi di influencer marketing. 

L'influencer marketing si sta facendo strada in tutti i tipi di aziende, dalle start-up ai marchi affermati. L'esempio più comunemente osservato di influencer marketing sono probabilmente le classiche foto e video di un influencer in posa con il prodotto pubblicizzato su Instagram. La verità è che questo settore è vario e può essere davvero molto creativo.

Vediamo dunque una serie di strategie di influencer marketing ed alcuni esempi di successo. 

 

1) Contenuto sponsorizzato

Si tratta di uno degli esempi più popolari di influencer marketing. Di solito i brand si mettono in contatto con gli influencer e chiedono loro se sono interessati a promuovere uno dei loro prodotti o servizi. Succede anche il contrario, ovvero sono gli influencer ad avvicinarsi proattivamente ai marchi.

A seconda dei canali concordati, il prodotto finale è di solito una foto, un video o un post sul blog con un'offerta corrispondente. Queste campagne di solito iniziano con l'azienda che invia all'influencer un brief della campagna che delinea alcune linee guida, istruzioni e requisiti. Essendo il pubblico dell’influencer resta comunque importante lasciargli/le il giusto spazio creativo per potersi esprimere. 

Nel settore fitness e nutrizione citiamo come esempio il bodybuilder e influencer padovano Danny Lazzarin, conosciuto anche per le sue apparizioni sulla serie YouTube dei Gentlemen con Maurizio Merluzzo, Thomas Marenduzzo e Giorgio Muratore. 

andrea lazzarin post instagram sponsorizzato

2) Recensioni

Un’altra strategia ampiamente utilizzata è il rilascio di recensioni su un prodotto o servizio offerto gratuitamente dall’azienda all’influencer. 

Conosciutissimi sono i cosidetti video di “unboxing”. La premessa di questi video è che l'influencer non ha mai visto o usato il prodotto prima, e poi lo apre e prova davanti alla telecamera. 

Ci sono persone che si sono create una vera e propria nicchia con l’unboxing. Tra gli influencer tech che si occupano di unboxing citiamo Andrea Galeazzi, creatore di contenuti basati proprio su questo format e che ha saputo raccogliere oltre un milione di iscritti al proprio canale.

Andrea Galeazzi Youtube

Questo tipo di partnership può funzionare bene se basata su linee guida generali e flessibili del marchio. Ma può anche andare anche molto male, soprattutto se il marchio chiede all'influencer di dire solo cose positive, o se l'influencer non ha paura di esprimere la sua antipatia per il prodotto.
 

3) Concorsi e omaggi

Gli omaggi sono amatissimi. Questo tipo di influencer marketing può rappresentare una situazione win-win-win per il brand, gli influencer e i loro fan, specialmente se è facile e veloce per il pubblico entrare e iscriversi.

Di solito, i brand offrono un prodotto o un servizio gratuito che l'influencer può passare ai suoi seguaci. Concorsi e omaggi possono Includere l'interazione con il post dell’influencer stesso o l'interazione con il marchio al di fuori del post. 

In questo caso portiamo l'esempio di un giveaway appena lanciato dal brand italiano di makeup Pupa. Per circa due settimana sarà possibile vincere dai kit seguendo il profilo, commentando il post e taggando 3 persone. 

Pupa Giveaway 2021
 

4) Collaborazioni di prodotti e contenuti

Ci sono brand che invece di lavorare saltuariamente con gli influencer sono a stretto contatto con loro per co-creare prodotti o contenuti. Questo si vede spesso nell'industria della bellezza e della moda, dove gli influencer creano la propria linea di abbigliamento, accessori o prodotti di bellezza con il nome del marchio. 

Un esempio tutto italiano del settore beauty è sicuramente Clio Makeup che nel 2017, dopo anni di produzione video e collaborazioni aziendali, ha lanciato la sua prima linea di ressetti per poi notevolmente allargare l'offerta negli anni successivi. 

clio makeup lancio palette youtube

Naturalmente, questa è una strategia molto elaborata, ed è per questo che è più comune per chi si è già fatto un nome nel proprio settore.

 

5) Ambasciatori del marchio a lungo termine

Come suggerisce il titolo, l’ambasciatore di un brand a lungo termine è un influencer che collabora con il marchio per un lungo periodo di tempo. L’influencer diventa il "volto" del marchio, proprio come i sostenitori di specifici brand vengono utilizzati nelle campagne pubblicitarie tradizionali.

Questo tipo di influencer marketing è uno strumento di comunicazione che può fornire grandi risultati perché, a differenza di altri esempi che coinvolgono solo uno o pochi post, un brand ambassador può promuovere il brand per diversi mesi, fino a un anno o più. 

Citiamo come esempio Giulia de Lellis, brand ambassador per Tezenis, azienda con la quale ha anche firmato delle nuove e recentissime collezioni. 

giuila de lellis e tezenis partnership instagram post
 

6) "Takeovers" sulle piattaforme

Come avrai notato, l'influencer marketing e i social media vanno di pari passo. Mentre le prime cinque tattiche coinvolgono il brand che appare sulla piattaforma di un influencer, quest’ultima si riferisce a un influencer che appare sulla tua piattaforma. 

Nel caso di un takeover, il marchio dà all'influencer l'accesso al suo canale di social media preferito per un determinato periodo di tempo. Normalmente, si tratta di una giornata circa, tuttavia, per occasioni speciali o eventi, alcuni takeover durano fino a una settimana.

Gli influencer possono pubblicare post, video e storie dietro le quinte per mantenere il pubblico del brand interessato e coinvolto. Il più grande svantaggio di questo tipo di influencer marketing è che di solito è necessario dare all'influencer i propri accessi. Pertanto è richiesto un alto livello di fiducia e anche un contratto appropriato. 

Un caso di successo è Maserati GB. Dal 2015 in poi ha effettuato una serie di takeover su base mensile, invitando influencer provenienti da diversi settori e lasciando che oguno curasse in modo unico il canale. Come risultato, Maserati GB ha sviluppato un canale Instagram davvero ricco, vario ed emozionante, dimostrando il valore dell'essere socialmente inclusivi piuttosto che esclusivi.

Maserati-Takeover-esempio

 

Dovresti esserti fatto una buona idea delle strategie e degli esempi di influencer marketing. Abbiamo usato esempi tutti italiano, se però sei interessato a casistiche internazionali ti consigliamo di dare un’occhiata a 15 esempi di Influencer Marketing per alimentare la pianificazione della tua campagna di Influencer.

Ci vediamo con la terza e ultima parte dedicata all’influencer marketing, quella sui trend previsti per il 2022! 

 

 

 

Immagine di copertina Freepik

acquisizione mint dev puzzle con logo

12/01/22

2022: una comunicazione importante

2022: un comunicazione importante da Mint Marketing   Abbiamo deciso di iniziare questo 2022 con una comunicazione molto importante per tutti voi: l’agenzia di Mint Marketing è stata acquisita da DevInterface Srl.  DevInterface è un’azienda con esperienza decennale nell’offerta...

Influencer ragazzo parla a camera

26/11/21

Influencer Marketing parte 3

Come abbiamo visto negli articoli precedenti dedicati all'influencer marketing, la cooperazione con gli influencer è diventata parte integrante del marketing mix per aziende di tutte le dimensioni.  Nel 2022, gli influencer continueranno ad aiutare i marchi ad ottenere più visibilità...

influencer sul set del video

28/10/21

Influencer Marketing parte 1

L'influencer marketing sta guadagnando sempre più importanza. UPA ha stimato che solo in Italia quest’anno vi è stato un incremento del 12% degli investimenti nel cosiddetto influencer marketing. E la cosa non stupisce visto che gli influencer di successo firmano contratti pubblicitari ...